giovedì 5 giugno 2008

Il petrolio? Scarseggia. E l'energia alternativa? Anche!


Penso che sia incredibile che solo adesso ci rendiamo conto di quanto condizioni la nostra vita il petrolio.
Ce ne rendiamo conto adesso perchè cresce il prezzo della benzina, delle bollette e soprattutto dei beni di prima necessità quali pane e pasta.
La cosa che più di tutte mi sembra assurda è che non si parla affatto di valide alternative o soluzioni ma sento ovunque solo lamentele per il fatto che la benzina costa troppo e che lo stato dovrebbe fare qualcosa affinchè torni ad un prezzo più accessibile.

Io non credo che questa sia la cura di tutti i mali perchè la verità è che il petrolio è una risorsa che va ad esaurirsi e quindi abbassare il prezzo non servirebbe a molto se alla fine finirà comunque.
I petrolieri ovviamente fanno i loro interessi e quindi cercano di vendere il petrolio al prezzo più alto, e questo lo posso capire, ma quello che non capisco è perchè non si parla di sfruttamento e/o sviluppo di fonti di energie alternative.
I vantaggi sarebbero tantissimi ma ovviamente i petrolieri perderebbero il loro business e il loro potere ed è triste vedere che chi ci governa permette tutto ciò.
In Italia si preferisce sempre regredire pur di far contente certe persone anzichè progredire e fare il bene del paese.

Ma non voglio scrivere questo post per accusare i petrolieri che, come ho scritto sopra, fanno solo i propri interessi ma per parlare delle energie alternative.

Per dovere di cronaca ne cito una che personalmente non mi mette tranquillità ma che comunque rappresenta una valida alternativa e forse il futuro: l'energia nucleare.
L'energia nucleare non necessita di combustibili fossili e non contribuisce all'effetto serra per non parlare degli enormi benifici energetici che ne scaturiscono dal suo utilizzo ma quello che è da poco successo in Slovenia non può lasciarci indifferenti. La sicurezza è fondamentale quando parliamo di nucleare e questo mi lascia ancora un pò titubante anche perchè al di là di tutto l'errore umano è sempre dietro l'angolo.

Quella che ha la mia massima approvazione è l'energia solare.
Non inquina, non costa nulla (ad esclusione dei costi di installazione dei pannelli), si può convertire anche in energia termica e quella che non serve si vende al principale gestore dell'energia elettrica in Italia. In pratica col tempo non solo si ammortizzano i costi sostenuti, solo per il semplice fatto che non si paga più la bolletta, ma addirittura se la produzione supera i consumi ci si può anche guadagnare.
C'è da dire che non è da tantissimo che i costi di installazione sono accessibili ma credo che questo sia il momento di cominciare a sfruttare questa possibilità anche perchè, se ricordo bene, lo stato eroga degli incentivi a chi installa dei pannelli solari per la produzione di energia elettrica. Insomma una parte dei costi ci viene rimborsata subito e l'altra la ammortiziamo col passare del tempo e utilizzando l'elettricità.
Il maggiore aspetto negativo è che i pannelli necessitano di luce anche se lo sviluppo costante ha portato alla produzione di pannelli che funzionano anche a basse temperature.

L'energia eolica è quella che invece risulta essere semplice e relativamente poco costosa.
Questo tipo di energia è utilizzata principalmente per essere convertita in energia elettrica e l'installazione degli impianti avviene in brevissimo tempo (circa 4 anni) ma solo in luoghi alti e ventilati, però laddove è possibile si può costruire una piccolo impianto che riesce a generare energia elettrica per il fabbisogno di un intero Comune.

Altre meno conosciute ma altrettanto importanti risultano essere l'energia idroelettrica, l'energia geotermica e i biocarburanti.
Le alternative non mancano per quanto riguarda la produzione di energia e il tutto potrebbe essere esteso anche ai mezzi di trasporto. Oggi solo una casa automobilistica giapponese produce un automobile ibrida e non tutte le città utilizzano mezzi pubblici elettrici.

Le fonti di energia alternativa non mancano ma purtroppo non mancano nemmeno gli interessi dei petrolieri e di chi si arricchisce grazie a loro e ovviamente sempre a discapito della gente comune che sempre più spesso non riesce ad arrivare a fine mese.
Chissà cosa si inventeranno quando finirà il petrolio...forse presto lo scopriremo!

Nessun commento: